0

Conservazione olio extravergine di oliva

By 23 Febbraio 2021News
Conservazione olio extravergine di oliva: Bruschetta con olio extravergine di oliva Fratelli Carbone

Conservazione olio extravergine di oliva: scopri come preservare la genuinità dell’olio che hai appena acquistato?

Non basta solo acquistare un olio di qualità. Se vuoi essere certo di mantenere intatte le proprietà del tuo prezioso extravergine è necessario seguire alcune regole per la sua conservazione in casa. Scopriamole insieme…

Conservazione olio extravergine di oliva | ecco le 5 regole da seguire:

olio di oliva extravergine da 75 cl fratelli carbone

  •  La temperatura dai 10 ai 20 gradi è considerata ideale per la conservazione. Evitare di far congelare l’Olio d’inverno o di esporlo ad alte temperature d’estate. Se vi è una cantina a disposizione, consigliamo di conservare la propria provvista lì in quanto luogo fresco e allo stesso tempo spesso buio;
  •  La luce solare, diretta o diffusa, accelera l’ossidazione, per cui è meglio riporre la propria scorta al riparo da essa;
  • E’  buona norma tenere sempre chiuso ermeticamente il recipiente. Ci sono insetti casalinghi ghiotti di Olio, inoltre il passaggio dell’aria accelera il processo di ossidazione quindi di decadimento;
  •  E’ consigliato tenere l’Olio in ambienti areati e senza odori di qualsiasi tipo. Gli anziani dicevano che l’ Olio è ladro, ed un motivo era proprio perchè ruba tutti gli odori dell’ambiente;
  •  Sconsiglio di versare il prodotto, se non per l’uso immediato, in oliere trasparenti. In quanto sarebbe meno protetto che nelle apposite lattine e bottiglie in vetro verde.

Seguendo queste semplici regole di conservazione, siamo sicuri di mantenere al meglio il nostro olio extravergine, in modo da poter gustare per tutto l’anno il sapore fresco dell’olio appena franto.

Ma quanto dura un olio extravergine se conservato nella maniera ottimale?

Conservato nella maniera ottimale, l’olio extravergine di oliva mantiene intatte le sue proprietà organolettiche e nutrizionali per 12 mesi dalla sua produzione. In questo lasso di tempo, se segui scrupolosamente le regole della corretta conservazione, ogni volta che apri la bottiglia sentirai il suo profumo di fresco.

la normativa impone di indicare una scadenza di 18 mesi dalla data di imbottigliamento. Oltrepassato questo limite di tempo, l’olio sarà sempre commestibile, ma non presenterà più tutti i benefici di un olio nuovo.

Io consiglio sempre di consumarlo entro i 12 mesi dalla produzione. Come recita un vecchio proverbio ribadito  spesso anche da mio nonno: olio nuovo, vino vecchio. Che sta ad indicare appunto che l’olio al contrario del vino, peggiora con il passare del tempo.

Antonio Carbone tra gli uliviA cura di Antonio Carbone

Co-fondatore del “Metodo Antico dei Fratelli Carbone”

Leave a Reply