Il colore dell’olio extravergine

By 12 Aprile 2021Maggio 3rd, 2021Pregiudizi e luoghi comuni
olio di oliva lucano extravergine 20 litri

Il colore dell’olio extravergine | Qual’è il colore di un olio di qualità?

E’ una domanda che sento spesso e la classica risposta è: il colore verde. Non è proprio così ed in questo articolo ti spiego il perchè.

Per fortuna stiamo sempre più attenti alla nostra salute e quando acquistiamo un prodotto cerchiamo dei riferimenti per essere certi della sua qualità.

Per quanto riguarda l’olio extravergine di oliva ci si affida come primo riferimento al colore. E la gran parte di noi è portato a pensare che un olio di colore verde è indice di qualità.

Un’altro fattore che teniamo in considerazione è la densità. Un olio più torbido è sinonimo di genuinità e buona pratica di estrazione, ma non è vero che un olio limpido non sia di qualità.

Quindi come deve essere un olio extravergine di qualità? Giallo, verde o torbido?

Il colore dell’olio vira dal verde scuro fino al giallo oro ed è definito da diversi fattori.

Il colore dell’olio extravergine | Cultivar

Il primo fattore è la cultivar. Ad esempio in Basilicata abbiamo l’ogliarola del bradano che produce un olio giallo oro dai sentori delicati, e la fasola che produce un olio verde dai profumi molto pronunciati.

Terreno

Un’altro fattore determinante per la tonalità dell’olio extravergine di oliva è il terreno, che a parità di cultivar rende il colore dell’olio più o meno accentuato. Ad esempio, un terreno argilloso produrrà un olio tendente al giallo, come anche un olio prodotto in collina.

Raccolta

Molto influente è l’epoca di raccolta, più precoce è più il colore sarà verde e l’olio ricco di polifenoli e antiossidanti. Con maggiori garanzie di olio di qualità.

Estrazione

Se vogliamo un olio più verde in fase di estrazione basta aggiungere una percentuale di foglie, oppure aumentare la velocità nella fase di gramolazione. Se il frantoiano non è molto esperto per paura di perdere la resa può aumentare le temperature perdendo la colorazione dell’oliva appena spremuta.

Stato di conservazione

Se l’olio non è conservato nella maniera ottimale cambia subito il suo colore. La luce, il calore e l’ossigeno, lo ossidano in poco tempo, facendoli perdere il colore tipico di un olio appena spremuto.

Il colore dell’olio extravergine | Conclusione

Ci sono tante variabili che portano ad avere un determinato colore dell’olio. Come abbiamo visto, il colore verde non è sinonimo di qualità, perchè bastano dei semplici trucchi per rendere verde anche un olio pessimo.

Ogni sfumatura di colore rappresenta una determinata identità di un olio. Il mio consiglio è quello di acquistare l’olio direttamente da chi lo produce, se si ha la possibilità andare direttamente in frantoio.

Noi offriamo la possibilità ai nostri clienti di venire di persona a seguire tutti i processi di lavorazione e gustare l’olio al momento della spremitura. Per chi è impossibilitato a raggiungerci in sede per la distanza può contare sulla nostra costante presenza online e telefonica.

Ci occupiamo direttamente noi della vendita, non abbiamo intermediari proprio perchè vogliamo instaurare con i nostri clienti il rapporto di amicizia e fiducia che altrimenti sarebbe impossibile da creare.

Se vuoi gustare l’extravergine di oliva naturale e genuino come una volta, dal frantoio a casa tua senza intermediari visita il nostro shop online.

Dalle olive all'olio | Il germogliamento. Antonio Carbone tra gli uliviA cura di Antonio Carbone

Co-fondatore del “Metodo Fratelli Carbone”  l’olio naturale e genuino come una volta.

Leave a Reply